La storia dietro la vigna

Filosofia del vino

Noi di Ghëddo siamo una piccola e giovane azienda non abbiamo né araldi né storia a cui appellarci eccetto quella del nostro territorio, che rispettiamo e valorizziamo. Coltiviamo circa tre ettari vitati, ciò ci consente di dare ad ogni singola pianta cure ed attenzioni peculiari e di conoscere ad occhi chiusi il nostro terreno e le sue potenzialità.

Due amici con una passione in comune, il vino.

Tre sono i principi che guidano il nostro lavoro: rispettare l’ecosistema vigna, produrre del buon vino e divertirci.
Abbiamo vigneti di proprietà a La Morra e ne lavoriamo alcuni a Roddino, nel Roero e nel tortonese. La nostra cantina si trova a Monforte d’Alba in località Bussia.
I nostri vini rispecchiano fedelmente l’annata, nel bene e nel male, partiamo da un meticoloso lavoro in vigna per arrivare all’estrema pulizia in cantina, caratteristica che ricerchiamo anche nel bicchiere: vini netti all’olfatto.
Motivo di orgoglio è per noi curare ogni dettaglio personalmente: dalla potatura sino alle casse portabottiglie prodotte con legno di recupero.
Questo è quanto, lasciamo ora che il frutto del nostro lavoro parli per noi!

Giovanni

Classe 1985. Giovanni è un blend di uve sarde e piemontesi trapiantate a Milano. Lì nasce e cresce. Studia i classici latini e greci, ma l’unica lezione che apprende è Orazio e il suo “Nunc est Bibendum”. Poi la facoltà di Agraria e la consacrazione definitiva a viticoltura ed enologia. Affina le sua capacità di pulitore di cantine, ma anche di winemaker, in Italia e in giro per il mondo: Francia, Cile, Australia e ritorno. Ferma il vagabondaggio in Langa, nel 2013, dove s’innamora definitivamente dei rossi (e di una bionda) piemontesi. Benché sia un appassionato pescatore non cattura mai niente, a suo dire, per dare agli amici un argomento con cui sollazzarsi. E’ il braccio agricolo ed enologico di Ghëddo.

Mattia

Nasce nel 1984 a Milano e studia antropologia a Bologna, esperienza dalla quale ricava un’infinita di soprannomi – dei quali citiamo “torax” a ricordo dei lontani giorni tonici della pallanuoto – ma non certo un lavoro. Ma il Benedetti – l’articolo determinativo denota un’indubbia Indicazione Geografica Tipica – è prima di tutto un organizzatore, uno che sistema cose, che mette in contatto persone, e diventa quindi un professionista nel settore degli immobili di pregio. Un tale vortice di attivismo necessitava di un’amorevole ma rigida supervisione: la sua fidanzata altoatesina di lunga data. Nel frattempo assaggia quasi ogni vitigno coltivabile dal Libano alla Mosella e sposa l’idea di fare un prodotto di cui andare orgogliosi assieme all’amico di una vita. In gheddo, come direbbero nella sua natia Milano, è l’anima commerciale e amministrativa.

“Produrre vino è una vocazione per me. Prendo sul serio il processo e non comprometto alcun passaggio".

- Giovanni Pippia -

Ghëddo Co-founder

Award-winning wines

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim

2017 - Wine of the year

2018 - Brand of the year

2019 - Wine of the year

Vieni a scoprire i nostri vini, trova il giusto abbinamento